• braversitalia

Trekking con i gorilla in Ruanda

Aggiornato il: giu 14

Ci sono tre paesi nel mondo nei quali è possibile vedere i gorilla di montagna: Repubblica Democratica del Congo, Uganda e Ruanda tutti confinanti tra loro. Sono partita per il Ruanda il giorno di Natale, felicissima di tornare in Africa dopo 6 anni dal mio ultimo viaggio in Zimbabwe.

ll Ruanda ha affrontato nel 1994, uno dei più gravi genocidi della storia dove in 100 giorni morirono più di 800.000 persone tra Tutsi e Hutu moderati.  La ferita provocata dal Genocidio è ancora aperta e sentita dalla popolazione ruandese ma il paese dalle mille colline si è saputo rialzare velocemente dal dolore provocato dalla tragedia che lo ha colpito.

Il turismo in Ruanda si è sviluppato di recente grazie alla presenza dei Gorilla di montagna all’interno del Volcanos National Park. Il parco deve, infatti, il suo nome alla presenza di 5 degli 8 vulcani dei monti Virunga: il Karisimbi, il Bisoke, il Muhabura, il Gahinga e il Sabyinyo.

All’interno del parco ci sono 10 famiglie di Gorilla che possono essere formate da 10 fino ad un massimo di 30 gorilla, con il maschio dominante conosciuto come silverback per il colore argentato della sua schiena, a capo della famiglia. Visto che le famiglie si spostano costantemente nella foresta in cerca di cibo, l’escursione può richiedere più tempo a seconda della loro posizione.  


La passeggiata all’interno del parco dei Vulcani inizia con un breve briefing sul comportamento da assumere vicino ai gorilla:

-rimanere ad almeno 7 metri di distanza dai gorilla a meno che non siano loro ad avvicinarsi;

-evitare di puntargli il dito contro ed il contatto visivo prolungato;

-se un gorilla si muove verso di te allontanati con calma;

I gruppi sono composti da massimo 8 persone. Ad ogni gruppo è assegnata una famiglia di gorilla in base alla difficoltà e alla durata del trekking. All’interno del parco sarete

accompagnati da due guide, i”trakkers” ( coloro che “tracciano” i gorilla) e i“porters”, ossia coloro che vi aiuteranno durante il trekking a portare zaini e a destreggiarvi tra fango e bamboo.

Il trekking nella foresta è straordinario: appena  entrati ci si ritrova accerchiati dai bamboo, che sono alla base della dieta vegetariana dei gorilla di montagna. Gli scorci che ci regala il volcanos national park sono incredibili.

Troviamo i gorilla dopo due ore di cammino: vederli è stata una delle esperienze più affascinanti e surreali della mia vita. Il timore iniziale è stato rimpiazzato subito dall’emozione di vedere questi animali a pochi passi da me per la prima volta. Nel mio gruppo erano presenti anche dei cuccioli, nati poche settimane prima, che si avvicinavano incuriositi, si arrampicavano sui bamboo e giocavano tra di loro, sempre controllati dalle loro mamme.  Il tempo trascorso con i gorilla passa in un attimo ma l’emozione vissuta in questo paese resterà con me per sempre.





L’Africa è un posto magico, il mio posto del cuore, il suo popolo è il popolo più accogliente e sorridente che avrete la fortuna di incontrare. Un viaggio in Africa ti cambia per sempre e vi auguro di poter avere la possibilità di andarci per ammirare i suoi mille colori e provare tutte le sensazioni che solo l’Africa potrà regalarvi.


Lucrezia Rodinò

Instagram @lucristagram

55 visualizzazioni

Tutti i tour sono realizzati in collaborazione con l’Agenzia Tourist Bee di Maril S.r.l.s.

Si accettano pagamenti sicuri con Stripe e PayPal

  • telegram icon 2-01
  • Bianco Instagram Icona