• braversitalia

Spedizione in Bolivia

Aggiornato il: giu 14

Mia sorella ha sempre voluto andare in un paese in via di sviluppo a fare volontariato, cosí quando mi ha proposto di andare con lei in Bolivia come volontario non ci ho pensato due volte: amo viaggiare, la fotografia, la montagna e ho sempre voluto fare un’esperienza del genere.

Sono stati 45 giorni lontani da casa, in un piccolo paesino sperduto nelle Ande boliviane a quasi 4000 metri di altitudine immerso nella povertà, ma il sorriso di quei bambini può che solo farti sentire bene.



Cosa si fa durante il volontariato? Dipende molto dalle zone, io, insieme agli altri volontari davo una mano a tagliare gli enormi eucalipti e costruire case in “adobes” (mattoni fatti sul posto con terra, acqua e paglia). Oppure portavamo gli alimenti base nei paesini ancora più lontani, a volte servivano 2 ore in macchina e altre 3 ore a piedi per raggiungere un pugno di case abitate solo da anziani. Sembra incredibile come vive certa gente senza cibo, luce, servizi igienici, completamente sconnessa dal resto del mondo, eppure pur non avendo niente volevano sempre offrire qualcosa per gratitudine. L’altitudine rendeva i lavori ancora più duri e le giornate erano veramente lunghe e piene di imprevisti ma alzarsi con un alba del genere ti carica di energia.



La Bolivia è lo stato più povero del sud America ma è un paese con una grande biodiversità, io ho avuto la fortuna di visitarne una parte. La Paz, la capitale amministrativa più alta del mondo, si sviluppa in una conca e la si può dividere in due: la parte turistica e più ricca nel basso e la parte povera sull’altopiano chiamato El Alto. Il nuovo mezzo di trasporto non è la metropolitana ma il “teleferico” con varie linee. L’ultimo giorno prima di tornare a casa ho voluto provare il brivido del parapendio,  sopra la valle della Luna vicino alla città. Volare seguendo le correnti come le aquile, circondato dai paesaggi andini è stata la perfetta conclusione di una grande esperienza.



Un altro record di altitudine Boliviano è il Lago Titicaca, condiviso con il Perù. E' il lago navigabile più alto del mondo (3812 m) e fa da confine tra questi due paesi. Il giro in catamarano è stato indimenticabile.

Non è finita qui, in queste splendide terre ho raggiunto quota 5200 metri, sul Pico Austria. Il trekking è durato due giorni e la notte abbiamo dormito in tenda in un accampamento ai piedi del Nevado Condoriri, il risveglio è stato ovattato dalla nevicata notturna.



Ho imparato molto in questo periodo, ho fatto cose che non pensavo di poter fare: vivere a contatto con la gente semplice del posto, camminare ai piedi di questi giganti bianchi e parlare spagnolo. E ancora… giocare a calcio a 4000 metri, mangiare foglie di coca con i “vecchi” del paese, accendere una macchina a spinta aiutato da un esercito di bambini, rischiare di bruciare il tetto in paglia di una casa cucinando le patate, assistere ad un rito Aymara. Sono andato in Bolivia per aiutare chi ne ha veramente bisogno, ma sono loro che mi hanno insegnato come essere felice.



Giovanni Levi

Instagram:@levis_gio

0 visualizzazioni

Tutti i tour sono realizzati in collaborazione con l’Agenzia Tourist Bee di Maril S.r.l.s.

Si accettano pagamenti sicuri con Stripe e PayPal

  • telegram icon 2-01
  • Bianco Instagram Icona